Le vespe sono insetti diffusi in tutto il mondo con svariate migliaia di specie. Riconoscibili per la vistosa livrea bruna o nera striata di giallo, fra tutti gli insetti aculeati, sono i più aggressivi: possono infliggere ripetute punture e sono abitualmente evitati persino dai normali predatori di insetti. Al sopraggiungere della bella stagione, si incontrano frequentemente non solo in aperta campagna ma anche dentro le case, nell’incavo dei muri, sulle ringhiere, nei sottotetti, nella cavità dei tronchi o nel terreno, e, vista la pericolosità, è d’uopo ricorrere ad una Disinfestazione Vespe Catania. Prima di intervenire bisogna però accertarsi che non si tratti di api, più piccole e meno aggressive, in quanto sono una specie protetta.

disinfestazione vespe

Informazioni generali sulle vespe

Le vespe appartengono all’ordine degli imenotteri e alla famiglia dei vespidi. Tutte le vespe vivono in società, anche se meno affollate ed evolute di quelle degli insetti sociali per eccellenza (termiti, formiche e api). Le società delle vespe contano infatti un numero limitato di individui (mai più di alcune centinaia), e seguono un cliclo annuale. Nel nostro Paese, le società di vespe si formano sempre all’inizio della bella stagione, per poi sciogliersi all’inizio dell’inverno.
Come nelle api, anche nelle vespe la maggior parte dei lavori sociali sono svolti da una casta di individui sterili, le operaie, che, però, in questo caso non differiscono nell’aspetto dalla regina.
Tra le vespe più abbondanti in Italia, ricorderemo la vespa cartonaia (Polistes gallicus), specie di taglia modesta, dalla sagoma slanciata e dalla livrea elegante. Come accade anche per le altre specie della famiglia, la costruzione dei nidi di vespa cartonaia avviene ad opera di una femmina che, dopo essere stata fecondata, trascorre l’inverno in un ricovero naturale (sotto cortecce o pietre) oppure in un riparo offerto da un edificio. La vespa attacca con successo un gran numero di insetti, ed è anche ghiotta di sostanze zuccherine, che ricava specialmente perforando con le sue robuste mandibole la buccia dei frutti.

Ciclo biologico delle vespe

Al sopraggiungere della primavera, la femmina, futura regina del vespaio, si desta dal letargo invernale e dà inizio alla costruzione del nido che, come il suo nome stesso lascia intuire, è fatto di cartone e materiali contenenti cellulosa. Il cartone viene prodotto masticando pezzetti di legno e impastandoli con la saliva. Con questo prezioso prodotto, dalle proprietà veramente notevoli (leggero e resistente, è anche un ottimo isolante termico), la vespa inizia a costruire un solido peduncolo che viene saldamente ancorato a un supporto adatto, come un muro o il ramo di un albero, e a cui verrà sospeso il nido, composto da cellette allungate a sezione esagonale aperte verso il basso.

Dopo aver costruito un numero limitato di queste cellette, la femmina vi depone 10-20 uova, provvedendo poi all’alimentazione delle larve che da esse nasceranno. Al termine del loro sviluppo, le larve si trasformeranno in operaie e si incaricheranno di ogni ulteriore lavoro: ampliamento del nido, approvvigionamento alimentare e cura delle larve più giovani. La regina, sollevata completamente da questi compiti, potrà dedicarsi esclusivamente alla deposizione di altre uova.

Specie di vespe nostrane

Tra le altre specie nostrane di vespe, tutte con abitudini simili, ricorderemo la vespa comune (Vespula germanica), più grande e tozza della vespa cartonaia, che costruisce alveari di grandi dimensioni e, quando è intenta nell’approvvigionamento del cibo, può diventare molto aggressiva, al pari del poderoso calabrone.

Il calabrone (Vespa crabro) si riconosce facilmente per le notevoli dimensioni (la femmina può persino raggiungere i 5 cm di lunghezza) e per l’elegante livrea caratterizzata da strie rossicce o arancioni sull’addome. Oltre ad essere la specie più grande, è anche la più pericolosa: la sua puntura è dolorosissima e può risultare addirittura mortale per i soggetti allergici.

Predatrice formidabile, la vespa crabro si nutre di altri insetti e costruisce grandi e popolosi alveari (fino a 500 esemplari) di pasta di cellulosa, in prossimità di angoli riparati delle nostre abitazioni, dei giardini o sotto le grondaie.

Disinfestazione vespe

La disinfestazione vespe richiede l’intervento di una ditta specializzata, specialmente se l’alveare è di grandi dimensioni o è collocato in un luogo difficile da raggiungere. Ci troviamo di fronte ad insetti particolarmente aggressivi che, se disturbati, reagiscono in modo rapido e improvviso, infliggendo punture molto dolorose ed inoculando grandi quantità di veleno. Il rischio aumenta se nei paraggi ci sono persone allergiche alla puntura di questi insetti.

L’eliminazione di un vespaio deve essere sempre eseguita con indumenti protettivi e nel rispetto delle norme di sicurezza e di salvaguardia dell’ambiente. I nostri disinfestatori professionali identificheranno il favo e lo rimuoveranno completamente, agendo nelle ore in cui gli insetti sono a riposo e utilizzando prodotti professionali sicuri per la salute.
L’intervento consiste nell’uso di formulati insetticidi abbattenti che bloccano il movimento delle ali, impedendo all’insetto contaminato, una volta caduto a terra, di volare. Reso inoffensivo, morirà nel giro di poco tempo. Grazie all’uso di prodotti residuali, sarà possibile controllare per alcuni giorni le vespe che volano intorno all’alveare: ciò permetterà di debellare l’intera colonia.

Sommario
 
 
CHIAMA SUBITO 800593874
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno

800593874