Le cimici dei letti spesso sono confuse con altri insetti infestanti, come gli acari della polvere che portano numerose allergie alle vie respiratorie.

Sgradita presenza in casa o in hotel e alberghi, le cimici dei letti si annidano nei materassi, ma anche negli zaini, nelle valigie e nelle borse, arrecando danni agli utenti e distruggendo l’immagine delle strutture alberghiere.

Quando si appura la presenza di questo insetto infestante pericoloso per le punture pruriginose che infligge, occorre correre ai ripari repentinamente rivolgendosi a esperti nella disinfestazione cimici dei letti che, con competenza e rapidità, ripristinano l’igiene degli spazi adibiti al riposo notturno.

Le cimici dei letti, appartenenti alla specie dei Cimex Lectolarius, abbandonano il loro nido solo durante le ore notturne, uscendo allo scoperto per nutrirsi del sangue umano.
Attratte dal calore corporeo e dall’odore della pelle, questi parassiti ematofagi individuano la vittima e la pungono, iniettando una saliva anticoagulante e succhiando il sangue nella quantità di 5 volte il loro peso corporeo. Le zone colpite da questi parassiti striscianti sono: la faccia, il collo, le braccia e le mani, comunque le zone che risultano scoperte durante il sonno.

cimici dei letti punture
Foto delle punture di cimici.

Cimici dei letti puntura

La puntura della cimice dei letti non è pericolosa per la salute dell’uomo e non trasmette malattie, ma è particolarmente fastidiosa per via dell’arrossamento cutaneo che provoca, oltre a un terribile prurito per il diffondersi di bollicine irritanti.

Cimici dei letti da dove arrivano?

La prolificazione delle cimici è particolarmente sviluppata laddove vi è un ambiente accogliente, caldo e ricco di anidride carbonica. É proprio questo habitat che fa uscire le cimici dai loro nascondigli notturni, che possono essere le crepe o le fessure dei muri, le tappezzerie dove vi è qualche lacerazione, le prese elettriche, le cuciture dei materassi e i tappeti.

  • Perchè si chiamano cimici dei letti?

Perché, oltre a nascondersi fondamentalmente nei materassi dove si accumula maggiore calore, esse beneficiano dell’anidride carbonica che si sprigiona nella camera da letto durante il riposo notturno. Esse infatti possono uscire allo scoperto anche con la luce, sebbene questo sia un evento raro.

Questo parassita è lungo circa 5 millimetri, è piatto e la sua forma ricorda una lenticchia o un seme di mela. Munito di una colorazione rossa tendente al marroncino, la cimice dei letti in tutta la sua vita può deporre fino a 500 uova, avvolte in una sostanza appiccicosa e biancastra. Alimentate correttamente, le larve giungono alla maturità dopo circa 8 settimane.

Le cimici dei letti non si sviluppano laddove vi è scarsa igiene, quindi non sono strettamente collegabili ad ambienti sporchi, ecco che esse prolificano anche dove si svolgono regolarmente le pulizie giornaliere. Come accorgersi quindi della presenza infestante delle cimici dei letti? Analizzando in modo approfondito il letto, si noteranno delle piccole macchie nere o rossastre sul lenzuolo, segno che lì vi è stato il passaggio del parassita con il rilascio dei suoi escrementi.

Interventi di disinfestazione cimici dei letti

Se negli anni ’50 le cimici dei letti erano state debellate grazie all’utilizzo del DDT (Diclorodifeniltricloroetano) andato poi in disuso per la sua tossicità, oggi con l’incremento dei viaggi, questi parassati hanno sviluppato una certa resistenza agli insetticidi proposti attualmente. Ecco perchè, in presenza di un’infestazione da cimici dei letti, i metodi fai da te non risolvono il problema alla radice.

Occorre affidarsi all’esperienza delle ditte di disinfestazione cimici dei letti che sapranno quale strategia adottare per ripulire i materassi presenti in casa, ma anche nei residence, negli ospedali.

L’eliminazione definitiva si avvale prima di tutto di un’ispezione accurata degli spazi da disinfestare, ricercando tutti i punti di rifugio dei parassiti adulti e giovani.
La successiva lotta alla cimice dei letti si attua con l’applicazione di trattamenti antiparassitari non nocivi alla salute dei frequentatori gli ambienti e a basso impatto ambientale.

Insetticidi in polvere a base piretroide, applicati nelle fessure dei muri, sul retro dei quadri e dei mobili, sui battiscopa, abbattono drasticamente i parassiti.

Questo fastidioso insetto infatti ama anche il legno marcio, ecco che si annida nelle case in cui sono presenti dei soppalchi, oltre che nelle impalcature in legno del letto. Prestare attenzione alla presenza di strutture in legno deteriorato può essere un valido aiuto per individuare la cimice del letto.

Un’accurata prevenzione richiede altri interventi periodici svolti dai tecnici professionali che attuano un monitoraggio accurato degli spazi abitativi. Qualche consiglio pratico da tenere a mente è quello di lavare gli indumenti utilizzando alte temperature, oltre che ad aver cura di scuotere i bagagli fuori dalla abitazioni, al ritorno da un viaggio. Anche gli aeroporti, gli autobus e le stazioni ferroviarie possono essere probabili luoghi soggetti a infestazione.

 
 
CHIAMA SUBITO 337969669
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno

337969669