La processionaria è un lepidottero, il cui nome dipende dal fatto che l’insetto si muove in fila con altri, proprio come una processione. Particolarmente pericolosa, non solo per le piante ma anche per l’uomo, è necessario ricorrere a servizi di disinfestazione processionaria per allontanare e bonificare giardini e aree verdi pubbliche e privati gli insetti e renderli sicuri. Obiettivi che in Sicilia, si possono raggiungere rivolgendosi agli operatori di Disinfestazione Catania, che con strumenti e prodotti innovativi mettono in atto interventi efficaci a risolvere in modo rapido il problema.

L’azienda si occupa di derattizzazioni e servizi di disinfestazioni di parassiti e infestanti, tra cui la processionaria, eseguendo attività dirette a eliminare rapidamente il problema e liberare case e aree pubbliche e privata dalla colonizzazione degli insetti. Competenza, esperienza e affidabilità caratterizzano l’azienda che offre preventivi gratuiti dopo un sopralluogo accurato volto a determinare il tipo di intestante, la gravità del problema e il piano di lotta migliore per risolverlo.

Cos’è la processionaria?

disinfestazione processionaria cataniaEsistono più di quaranta specie di processionaria, ma in Italia le più comuni sono quella del pino e della quercia, scientificamente: la Thaumetopoea pityocampa e la Thaumetopoea processionea. La processionaria del pino, fa parte della famiglia delle Notodontidae, e attacca gli alberi di pino, in particolare il Pinus Sylvestris e Nigra, ma si può anche trovare su cedri e larici.

Le larve si nutrono di aghi, presentano mandibole forti e sono tanto voraci che in poco tempo sono in grado di spogliare l’albero. I parassiti sono attivi soprattutto nel periodo invernale, in quanto in estate si trasformano in bozzolo per poi diventare falene ad agosto. Proprio alla fine di tale mese cercano delle piante dove deporre le uova, dalle quale dopo 4 settimane nascono le larve. Quest’ultime si possono notare in quanto si muovono in fila per trovare il cibo utile al loro nutrimento e il ciclo ricomincia.

La Thaumetopoea processionea o processionaria della quercia sono delle farfalle notturne di colore grigiastro e con peli urticanti. Nello stato larvare sono pericolose in quanto mangiano le foglie della pianta e si riparano in nidi costruiti nei rami o alla base del fusto, dove avviene anche l’incrisalidamento ovvero la metamorfosi da bruco a falena.

Pericoli per l’uomo e gli animali

I peli della processionaria sono altamente urticanti, a contatto con la cute dell’umo rilasciano istamina, una sostanza che provoca reazioni allergiche e prurito e nei casi più gravi causare lo shock anafilattico. In caso di contatto con gli occhi si possono verificare rossore, bruciore e congiuntivite. Se gli insetti o peli vengono casualmente ingeriti o inalati possono infiammare le mucose della bocca e dell’intestino e irritare le vie respiratorie. In tutti i casi consigliabile lavare con acqua e bicarbonato la pelle o gli occhi e nei casi più gravi contattare il medico o andare al pronto soccorso.

La processionaria deve stare assolutamente lontana dagli animali e soprattutto dai cani. Per questi ultimi il contatto con il manto e la bocca o l’ingestione può indurre processi di necrosi, con distruzione dei tessuti cellulare, la perdita di pezzi di lingua e la morte. Se il contagio è lieve basta risciacquare le parti interessate, negli altri casi è meglio portare l’amico a quattro zampe dal veterinario.

Disinfestazione processionaria sistemi di lotta

La disinfestazione processionaria può essere fatta distruggendo le larve, tagliando i rami dove sono presenti i nidi e poi intervenire con pesticidi specifici, facendo attenzione a indossare tute, guanti, maschere utili a non entrare in contatto con i peli urticanti degli insetti. La soluzione migliore è evitare il fai da te e rivolgersi agli operatori di Disinfestazione Catania, azienda che opera in tutta la provincia e che vanta un’esperienza pluriennale nell’implementare piani di lotta alla processionaria e con soluzione mirate debella l’insetti nel pieno rispetto delle norme di legge e della salute dell’uomo.

La lotta alla processionaria può avvenire attraverso l’impiego di insetticidi biologici, tra cui il più utilizzato è Bacillus thuringiensis kurstaki (Btk). Un batterio capace di paralizzare le larve e danneggiarne i centri nervosi. Viene irrorato tramite un mezzo aero e un atomizzatore e non è pericoloso per la biodiversità e l’ambiente. In alternativa, molto efficaci sono le trappole ai feromoni, che permettono di evitare l’accoppiamento e la fecondazione delle femmine da parte dalle falene maschio e quindi la formazione di nuove larve.

L’endoterapia ovvero un trattamento fitosanitario effettuato con l’immissione di sostanze insetticide all’interno del sistema vascolare della pianta, è un’altra soluzione praticata da aziende specializzate, come Disinfestazione Catania, per proteggere gli alberi e prevenire i danni dei parassiti. Infine, le trappole meccaniche, che cosparse di una colla brevettata e collocate sui rami delle piante catturano gli insetti e ne limitano la proliferazione.

 
 
CHIAMA SUBITO 800593874
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno

800593874